Il Commento

Cronologia della seconda guerra mondiale e della Resistenza italiana

Premessa di Luca Bellincioni


La Resistenza italiana, come movimento organizzato di liberazione nazionale, per la storiografia inizia formalmente all’indomani dell’armistizio, annunciato la sera dell’8 settembre del 1943, in seguito al crollo (avvenuto il 25 luglio) del regime fascista e all’arresto di Mussolini (confinato sul Gran Sasso), tra il governo del maresciallo Badoglio e gli Alleati, che sanciva la fine della guerra dell’Italia al fianco della Germania nazista. Tale atto, d’altro canto, produceva come conseguenza immediata l’occupazione armata – in realtà già da tempo concepita precauzionalmente da Hitler – da parte delle truppe della Wehrmacht («Operazione Alarico») del territorio italiano ancora non liberato dall’avanzata anglo–americana.
Il 9 settembre era istituito a Roma il Comitato di Liberazione Nazionale (C. L. N.), in sostituzione dei «Comitati delle opposizioni» al fascismo formati dai partiti nel 1942 a Roma, Milano e Napoli, in seguito riuniti nel «Comitato nazionale delle correnti antifasciste». Al «Comitato Centrale, cioè al C. L. N. di Roma, si affiancavano altri organismi periferici locali, e nel Nord esso era rappresentato dal Comitato di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia (C. L. N. A. I.), con sede a Milano. Facevano parte del C. L. N. i principali partiti dell’antifascismo italiano, dei quali alcuni già prima dello scoppio della guerra avevano condotto una strenua lotta contro il regime tramite l’opera dei “fuoriusciti”: il Partito Librale, il Partito Comunista, la Democrazia del Lavoro, la Democrazia Cristiana, il Partito Socialista di Unità Proletaria e il Partito d’Azione.
Ne rimaneva significativamente fuori il Partito Repubblicano, a causa delle posizioni intransigenti professate nei confronti del problema istituzionale, che pretendevano (sulla base di un recupero integro e coerente della tradizione mazziniana) un rifiuto netto e perentorio della monarchia da parte del Comitato, in favore della forma repubblicana. Al contrario, infatti, nel C. L. N. il problema istituzionale veniva temporaneamente accantonato, al fine di mantenere un’unità interna, indispensabile per avere concrete possibilità di successo nelle azioni di guerriglia organizzata previste.

Riportiamo, qui di seguito, un’ampia cronologia riguardante le vicende più importanti della Seconda Guerra mondiale e della Resistenza italiana. Sono stati inserite inoltre le date di pubblicazione dei documenti dell’antologia “euro–federalistica” proposta nel nostro lavoro, al fine di una precisa puntualizzazione del contesto storico in cui essi furono redatti. Tuttavia in questa sede, poiché contributi europeistici e federalistici in seno all’antifascismo italiano proliferarono fin dallo scoppio del conflitto, abbiamo ritenuto opportuno, al di là della periodizzazione ufficiale, far iniziare questa essenziale cronologia almeno dal 1939.
Nota sulle fonti: La presente cronologia costituisce una libera sintesi di alcune cronologie presenti in rete. Ce ne siamo avvalsi soltanto come sfondo storico dei documenti della nostra antologia. Ogni diritto rimane riservato agli Autori originali.

I siti consultati sono i seguenti:

http.//digilander.libero.it/secondaguerra/
www.storiaXXIsecolo
www.associazioni.prato.it
www.itis.mn.it

Cronologia: 1939194019411942194319441945


Pagina modificata Monday 3 March 2014